Paola Pizzighini intervista Manuel Draghetti candidato sindaco del Movimento 5 Stelle

Manuel Draghetti candidato sindaco del Movimento 5 Stelle nel comune di Crema per il ciclo si interviste “verso le elezioni 2022”

PAOLA PIZZIGHINI, giornalista e co-founder di Milano Sparkling Metropolis, attivista di M5S, contribuisce da tempo alla nuova fase di discussione e di riorganizzazione del Movimento e al supporto delle realtà locali Lombarde M5S.

Questo anche con il nuovo progetto editoriale “Verso le elezioni 2022” che ha la finalità di dare supporto ai candidati del Movimento 5 Stelle sul territorio lombardo e che oggi ospita, in questa intervista, il Candidato Sindaco del Movimento 5 Stelle nel Comune di Crema, Manuel Draghetti.

CHI È IL NOSTRO INTERVISTATO MANUEL DRAGHETTI

Sono Manuel Draghetti, un giovane professore di 25 anni che ha, da sempre, la passione per la politica. Nato e residente a Crema, mi sono avvicinato al M5S appena maggiorenne, scoprendo un mondo diverso da quello descritto da televisioni o giornali, dove poche persone decidevano per tutti.

Nel M5S, in particolare il gruppo Cremasco, “condivisione” e “collegialità” erano, e rimangono tutt’oggi, le parole d’ordine. Cittadini disinteressati, senza smania di incarichi, che si ritrovano per parlare della propria città, di come migliorarla e di come lasciarla alle prossime generazioni: un sogno realizzato per chi amava e ama ancora oggi la Politica come me.

La laurea magistrale in Chimica mi ha offerto la possibilità di avere un metodo, che ritengo importante almeno quanto il merito delle questioni.

Lo storico gruppo del M5S Cremasco, di cui ora sono Portavoce a livello comunale, ha sempre avuto la serietà di avere un metodo rigoroso e ben impostato, che ha permesso di continuare la nostra attività in maniera corale, condivisa e tenendo sempre tutti gli Attivisti a bordo.

Manuel tu sei già stato Consigliere Comunale M5S del Comune di Crema per gli ultimi cinque anni e adesso ti candidi come Sindaco sempre per il Movimento.

Che cosa ti ha spinto a questa nuova candidatura e perché hai scelto di confermare la tua fiducia nel Movimento 5 Stelle?

Ho confermato la fiducia nel Movimento 5 Stelle perché, nel panorama locale, il nostro gruppo è l’unico che si è sempre interessato ai bisogni dei cittadini, senza girare lo sguardo solo verso i gruppi di potere Cremaschi.

Abbiamo elaborato un progetto concreto durante dieci anni di presenza nel Consiglio comunale di Crema e lo vogliamo offrire ai cittadini come valida alternativa ad una politica trita e ritrita, con le stesse facce, che si ripropone a Crema per l’ennesima volta.

La mia candidatura a Sindaco è il percorso naturale dopo un mandato in Consiglio comunale: il gruppo ha apprezzato la mia capacità di essere Portavoce, di valorizzare tutte le bellissime qualità degli Attivisti e quindi mi sono messo in gioco.

Ambiente, sociale, recupero delle aree dismesse, infrastrutture utili ecc. ecc. un programma dettagliato, pensato e creato per Crema.

I cittadini avranno anche questa possibilità, con una squadra che soprattutto, a differenza degli altri candidati, ha una credibilità consolidata negli anni.

Il Movimento 5 Stelle per cui ti candidi è in fase di ristrutturazione, fase che si sta protraendo oltre i tempi che erano stati previsti, siamo in ritardo con la riorganizzazione territoriale, molti temi fondanti non sono stati ancora affrontati come il limite dei due mandati, il Presidente Conte si trova in difficoltà per le note vicende giudiziarie e per le correnti interne molte delle quali “remano contro”.

Cosa pensi della situazione di M5S e cosa chiedi come Candidato Sindaco al Movimento per il sostegno dei territori e dei suoi Candidati?

La situazione di difficoltà a livello nazionale non ci deve scoraggiare: le realtà territoriali sono ancora vive e pulsanti, a Crema soprattutto.

Abbiamo voglia di cambiare e ci abbiamo creduto, da sempre.

Giuseppe Conte è una persona che saprà risollevare il M5S, con il contributo della forza sana del nostro Movimento, presente soprattutto sui territori.

Qualcuno a Roma ha perso la bussola, ma ciò non significa nulla: la forza per mantenere i nostri valori saldi, a partire dal sacrosanto limite dei due mandati, è ancora viva e presente.

Cosa chiedo al M5S per le prossime elezioni amministrative? Supporto burocratico e nulla di più. Non serve interferire con la linea politica di ciascun gruppo o suggerire azioni o programmi: ogni gruppo locale è autonomo e conosce benissimo la situazione del territorio.

Serve rispetto ed ascolto per il lavoro decennale degli Attivisti, come nel caso di Crema. Sono certissimo che Giuseppe Conte è dello stesso parere.

Condividi articolo:
Picture of Paola Pizzighini

Paola Pizzighini

Sono Avvocato Giuslavorista con 10 anni di esperienza nei più affermati studi legali Milanesi a cui è seguita una lunga esperienza in Confindustria in cui ho potuto sviluppare le mie capacità relazionali ed empatiche nelle relazioni industriali e istituzionali.

Ultimi Articoli

Iscriviti al sito tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo sito, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi articoli.

Unisciti a 3.385 altri iscritti