PER IL CICLO DI INTERVISTE “VOCI DAL TERRITORIO” MILANO SPARKLING METROPOLIS INTERVISTA LORENZO GARDINI ATTIVISTA DEL MOVIMENTO 5 STELLE NEL COMUNE DI VIADANA

PER IL CICLO DI INTERVISTE

“VOCI DAL TERRITORIO”

MILANO SPARKLING METROPOLIS INTERVISTA

LORENZO GARDINI

ATTIVISTA DEL MOVIMENTO 5 STELLE NEL COMUNE DI VIADANA

PAOLA PIZZIGHINI, giornalista e co-founder di Milano Sparkling Metropolis, attivista di M5S, contribuisce da tempo alla nuova fase di discussione e di riorganizzazione del Movimento e al supporto delle realtà locali Lombarde M5S. Questo anche con il progetto editoriale “Voci dal Territorio” che ha la finalità di dare appunto voce alle idee di rinnovamento e alle istanze del territorio lombardo e che oggi ospita, in questa intervista, l’Attivista del Movimento 5 Stelle nel Comune di Viadana, Lorenzo Gardini.

CHI E’ IL NOSTRO INTERVISTATO LORENZO GARDINI

Mi sono laureato in medicina e chirurgia nel 2017 a 26 anni e da allora ho svolto le attività di medico sostituto di medicina generale, medico dell’AVIS, medico USCA durante il primo periodo di emergenza covid. Attualmente sono guardia medica nel Basso Mantovano e frequento il Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale a Reggio Emilia che mi permetterà di diventare medico di famiglia. Sono attivo nel mondo del volontariato in piccole associazioni nel campo della cooperazione internazionale, nel settore della sostenibilità ambientale e nell’introduzione dei disabili al mondo dello sport.

Non da ultimo la mia passione per la Politica, intesa come gestione della “Cosa Pubblica” e l’idea che il bene comune sia responsabilità di ciascuno noi mi ha spinto ad un impegno attivo all’interno del M5S, Movimento di cui condivido le idee, i valori ed il metodo di lavoro. Infatti pur restando uno spirito indipendente e critico credo che sia più utile spendersi all’interno di una forza politica, seppur in modo critico, piuttosto che giudicare in modo afinalistico dall’esterno l’operato dei vari schieramenti politici. Infine, ho una grande passione sportiva ovvero la corsa di resistenza che pratico regolarmente da solo o con gli amici.

Vorremmo far conoscere la tua storia di attivista ai nostri lettori di Milano Sparkling Metropolis. Come ti sei avvicinato al Movimento 5 Stelle e quali sono le principali battaglie che hai portato avanti nel Comune di Viadana?

Mi sono appassionato di politica fin dall’adolescenza, approfondendo con una tesina all’esame di maturità scientifica il tema dell’impatto dell’Uomo e dell’attuale sistema economico sui cambiamenti climatici e sul tessuto sociale.

Attorno al 2013 ho trovato nel M5S l’espressione politica delle mie idee ambientaliste e di equità sociale per cui mi sono avvicinato al gruppo di Viadana e sono diventato attivista. Ho contribuito attivamente alla campagna per le amministrative del 2015 che ha portato 2 nostri attivisti in Consiglio comunale. Quindi ho seguito l’attività dei nostri consiglieri durante l’intero quinquennio contribuendo concretamente sia a coordinare le attività del M5S Viadana con quelle dei gruppi ambientalisti locali, sia nella stesura di alcune interrogazioni e mozioni in numerose battaglie ambientaliste e in campo sanitario. Nel frattempo ho partecipato alle campagne referendarie per l’acqua pubblica, contro l’insediamento di centrali nucleari sul suolo italiano e contro lo stravolgimento in chiave neoliberista e autoritaria della Costituzione Italiana.

Nel Comune di Viadana ho collaborato, svolgendo un ruolo di ponte tra ambientalisti e M5S, a petizioni al Parlamento Europeo e interrogazioni al consiglio comunale sui temi dell’inquinamento ambientale, in particolare da formaldeide e polveri del legno, provocato dalle industrie del pannello nel Viadanese come dimostrato da numerosi studi scientifici pubblicati su autorevoli riviste scientifiche internazionali. Sulla restrizione dei limiti di emissione della formaldeide ho collaborato con gli ambientalisti e con Eleonora Evi, ex eurodeputata del M5S, ad una petizione al Parlamento Europeo. Assieme al gruppo e grazie alla mia attività nel campo sanitario ho contribuito al sostegno e potenziamento dei presidi sanitari del territorio.

Credo fermamente nell’unione di intenti e di forze tra liberi cittadini, associazioni, comitati civici e M5S che è la forza politica con più vocazione a lavorare “dal basso” per il bene comune.

Nel 2020 sei stato candidato sindaco per il Comune di Viadana? Com’è stata questa esperienza, quali sono i problemi più evidenti del radicamento del Movimento 5 Stelle sul territorio?

Nel 2019 il gruppo di attivisti di Viadana ha riconosciuto unanimemente nella mia figura un buon profilo civico e un adeguato back ground culturale per la candidatura a Sindaco di Viadana per il M5S.

Ho accettato sapendo che tale impegno sarebbe stato una responsabilità tanto gravosa quanto il mio rifiuto. Ma sapevo anche di contare su di un gruppo molto coeso, organizzato ed ormai esperto delle dinamiche della macchina Comunale di Viadana. Durante la preparazione della lista l’unico mio rammarico è stato quello di non trovare un’intesa a mio sostegno con altre forze ufficialmente civiche, programmaticamente molto vicine al Movimento, che non hanno accettato come candidato sindaco il candidato del M5S Viadana.

Nei mesi precedenti le elezioni col gruppo di Viadana abbiamo aperto e mantenuto una sede chiamata “l’Officina delle idee” dove ho incontrato e ascoltato numerose associazioni, società sportive, commercianti del luogo, professionisti di diversi ordini e rappresentanti vari della società civile per costruire un programma il più ampiamente condiviso dalla Comunità viadanese.

Nel programma della nostra lista abbiamo sostenuto le tematiche che son sempre state portate avanti dal gruppo di Viadana, e dai consiglieri regionali Andrea Fiasconaro e Marco degli Angeli e dai Parlamentari mantovani Luigi Gaetti e Alberto Zolezzi. In particolare ho sostenuto il potenziamento dei servizi e dei presidi sanitari pubblici del territorio, la lotta alle mafie, il tema dell’amministrazione trasparente ed aperta all’ascolto, la ricostruzione dei ponti sul Po, lo stop alla cementificazione selvaggia, il contenimento dell’inquinamento ambientale, la costruzione della Caserma dei Vigli del Fuoco, la valorizzazione di aree di interesse naturalistico e paesaggistico.

Nel 20 settembre 2020 pur ottenendo circa l’8% dei consensi il M5S Viadana non è entrato in Consiglio comunale ma collabora esternamente alla Commissione antimafia del Comune di Viadana con la figura di Stefano Capaldo.

CHI E’ LA NOSTRA GIORNALISTA

PAOLA PIZZIGHINI, avvocato giuslavorista e giornalista è Co-founder del Blog culturale Milano Sparkling Metropolis. E’ attivista del Movimento 5 Stelle di Milano, per il quale è stata candidata alle Elezioni Europee nel 2019 e Rappresentante per la Lombardia agli Stati Generali del novembre 2020, in prima linea a supporto dei Portavoce e degli attivisti del Movimento 5 Stelle nella Città Metropolitana di Milano e in Lombardia.

Condividi articolo:
Picture of Paola Pizzighini

Paola Pizzighini

Sono Avvocato Giuslavorista con 10 anni di esperienza nei più affermati studi legali Milanesi a cui è seguita una lunga esperienza in Confindustria in cui ho potuto sviluppare le mie capacità relazionali ed empatiche nelle relazioni industriali e istituzionali.

Articoli Simili

Omar Calembo M5S

Omar Calembo M5S Carissimi per la mia rubrica “elezioni 2024 conosci i candidati” ascoltiamo Omar Calembo, candidato M5S a Rozzano

Leggi di più